Pompa acqua: funzionamento e problemi

Come funziona l’impianto di raffreddamento motore?

Nei classici motori a benzina, il 70% circa di quest’ultima viene convertita in energia termica, quindi in calore, che deve essere dissipato per evitare surriscaldamenti. Al contempo, per essere efficiente, il motore ha bisogno di raggiungere velocemente un certo livello di temperatura, e poi mantenerlo costante.

Due sono i compiti fondamentali dell’impianto di raffreddamento:

  • Evitare che il motore si surriscaldi, danneggiandosi.
  • Permettere a quest’ultimo di raggiungere velocemente la temperatura ottimale di esercizio, mantenendola costante (un motore freddo è poco efficiente e produce emissioni nocive).

Il sistema di raffreddamento delle moderne autovetture consiste in un circuito chiuso dove passa acqua miscelata ad un additivo (che serve ad abbassarne il punto di congelamento e ad innalzarne quello di ebollizione, oltre a contrastare la corrosione): quando il motore raggiunge la sua temperatura di esercizio, tutto il calore in eccesso viene ceduto al liquido di raffreddamento che, circolando nel sistema, lo cede all’aria esterna attraverso il radiatore.

La circolazione del liquido refrigerante nell’impianto viene accelerata e convogliata nella giusta direzione da quella che siamo soliti definire “pompa dell’acqua”, cuore pulsante di tutto il circuito.

pompa acqua auto impianto raffreddamento

Come funziona la pompa dell’acqua?

La pompa dell’acqua, che a prima vista ci appare come una piccola ventola, è costituita da una flangia che funge da collegamento con il gruppo cinghia-puleggia del motore ed un piccolo albero poggiato su cuscinetti che serve a trasmettere la potenza della flangia ad una girante dotata di piccole pale.

In pratica, la pompa è il vero e proprio “cuore” dell’impianto di raffreddamento dell’auto, in quanto ha lo scopo di trasmettere la potenza generata dall’albero meccanico direttamente al fluido refrigerante, permettendogli di circolare.

Il liquido che arriva raffreddato dal radiatore raggiunge direttamente le alette della pompa che lo convogliano nuovamente verso i punti critici del motore, dai quali ricomincia il suo viaggio verso il radiatore, in un ciclo continuo, che permette di evitare seri danni alle parti più sollecitate dal calore, quali testata, pistoni e cilindri.

Purtroppo le pompe dell’acqua sono soggette ad usura dovuta alle sollecitazioni termiche e meccaniche, ed andrebbero controllate periodicamente per evitare seri danni al motore: ricordati di recarti periodicamente dal tuo meccanico di fiducia, e fai un check dell’impianto!

Rottura della pompa dell’acqua: conseguenze per il motore e non solo.

Grazie alla pompa dell’acqua, il liquido refrigerante riesce a circolare nell’impianto di raffreddamento, mantendendo il motore ad una temperatura ottimale: va da sé che, quando la pompa comincia a funzionare male, il liquido non circola più come dovrebbe e non riesce più a sottrarre abbastanza calore al motore scambiandolo con l’esterno attraverso il radiatore.

Purtroppo il surriscaldamento può causare danni anche irreparabili:

  • A causa delle alte temperature, l’olio motore perde viscosità e comincia a non lubrificare più a dovere le componenti meccaniche, che si usurano più velocemente.
  • I pistoni possono aumentare di volume a causa del calore, cominciando a scorrere in maniera meno agevole, rischiando di grippare.
  • La guarnizione della testata, che ha il compito di sigillare la parte superiore dei cilindri, a causa delle alte temperature può bruciarsi.

Questo per quanto riguarda il motore, ma una pompa dell’acqua rotta o malfunzionante può causare seri danni a molte parti dell’impianto di raffreddamento, come il termostato, il radiatore, tubi e raccordi vari.

Come possiamo accorgersi che la pompa dell’acqua sta cominciando a funzionare male, così da correre ai ripari per tempo? Vediamolo insieme!

pompa acqua auto rotta sintomi motore

Pompa dell’acqua: tutti i sintomi di un suo malfunzionamento.

Fortunatamente è abbastanza raro che la pompa dell’acqua si rompa del tutto all’improvviso, quindi sta a noi accorgerci di tutti quei segni premonitori che non andrebbero mai sottovalutati per evitare danni più seri (e costosi).

Corri a far controllare la pompa dell’acqua dal tuo meccanico di fiducia se ti accorgi che:

  • L’indicatore della temperatura del motore si innalza con una certa frequenza (vuol dire che nel meccanismo di raffreddamento qualche cosa non va).
  • Sotto l’auto sono presenti chiazze di liquido refrigerante (probabilmente le guarnizioni sono usurate e perdono).
  • Un suono forte e stridente proviene dalla parte anteriore della vettura, ed aumenta quando acceleri (la cinghia che collega la pompa al motore si è allentata o i cuscinetti della pompa si sono usurati).

All’apparire di uno di questi sintomi, ti consigliamo di ricorrere quanto prima ad un buon meccanico, perché continuare ad utilizzare un’automobile in queste condizioni, vuol di dire rischiare danni seri al motore.

Un ultimo suggerimento: se, dopo tempo che sottovaluti questi segnali d’allarme, vedi uscire del vapore dal cofano, accosta immediatamente e chiama il soccorso stradale, perché viaggiare in quelle condizioni sarebbe condannare il motore a danni molto gravi.

Postato da 00.00

Categorie :